I libri sono come i dolci

I libri sono come i dolci.

Quello che ti piace dipende dallo stato d’animo.
Ci pensavo oggi, mentre ascoltavo l’intervista ad un noto pasticcere. È questo il motivo per cui un accanito lettore rimane sempre interdetto alla domanda “qual è il tuo libro preferito?”
Perché un libro preferito in realtà non esiste. Esistono i libri preferiti. E anche quelli possono cambiare, come le stagioni, come il malumore e il buonumore, come le emozioni e i sentimenti.Poi c’è quello a cui sei fedele, e lo rimarrai per tutta la vita. Quel libro, quell’autore. Quegli autori. Funziona così, un po’ come la torta al cioccolato o la crostata di mele. O la sacher.

Per me è il tiramisù. Lo sarà sempre. È la mia madeleine personale, è mia nonna, mia madre, la mia festa di compleanno. Ho una vita costellata di tiramisù, com’è costellata di libri.
Preparazione
4 uova e un po’ di Orgoglio e pregiudizio
4 cucchiai di zucchero e Cime tempestose
Panna e un Giro di vite
Mascarpone condito dai Fiori del male
Savoiardi e Neruda
Caffè, Cacao e Dorian Gray
E voi, qual è il vostro tiramisù? (purché non vi sia rimasto indigesto nello stomaco, cosa che potrebbe pure capitare. Sarà sufficiente… cambiare libro. E, la prossima volta, controllate bene le uova. Suvvia).

6 thoughts

  1. Questo post mi ha fatto venire in mente questa RICETTAIngredientidue conflitti generazionaliquattro speranze persetre litri di sangue fervidocinque sogni eroticidue canzoni dei beatlesPreparazioneSciogliete i sogni eroticinei tre litri di sangue fervidoe lasciate gelare il vostro cuoremettete la mistura sul fuocoaggiungendo due conflittigenerazionali alle speranze persetagliate tutto a pezzettie ripetete con le canzoni dei beatleslo stesso processo usato con i sogni erotici ma questa voltalasciate bollire un pò più a lungo e girate finchè non si dissolveparte del sangue può esseresostituita da succo di ribesma i risultati non sarannogli stessiservite il poema sempliceo con illusioniNicolas Behr

    "Mi piace"

  2. è proprio così.il libro preferito esiste [sempre al plurale], ma è qualcosa che ha a che fare con la memoria e con la vita passata.per cui, anche non rileggendolo mai più, lo si ricorda con affetto infinito.[e forse non lo si rilegge per paura di cambiare idea su.]

    "Mi piace"

  3. [la merenda con il pane bianco toscano e il prosciutto cotto, a casa di andrea, mio compagno di terza media. con la sorella maggiore di là, a letto, con la febbre a quaranta.]

    "Mi piace"

  4. Anch’io fatico. Quando mi chiedono di dirne uno.Perchè sono sempre molti ed il migliore aspetto e spero di doverlo scoprire ancora.Ma si aggiungono, perché quelli che sono stati restano, anche riletti.Ma è vero che sono golosi e prediletti come dolci. Lussuriosi, alcuni.

    "Mi piace"

Rispondi a asfodelo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...